SOLO QUELLI CHE SONO COSI' FOLLI DA PENSARE DI CAMBIARE IL MONDO, LO CAMBIANO DAVVERO (A.Einstein)

PER TUTTI
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro).
Gli amministratori dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Inoltre qualsiasi racconto o storia che viene scritto non fa riferimento nè a persone nè a luoghi. É solo frutto di fantasia. La vita, la realtà purtroppo accomuna nei fatti molte persone, ma niente è riferito a qualcuno in particolare.
In fine gli amministratori si riservano il diritto di cancellare tutti i commenti che ritengono non opportuni e contro lo spirito dell'informazione, commenti quindi scritti solo per creare confusione.

Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero. (A.Einstein)

Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla.
(A.Einstein)

Gruppo Facebook:
http://www.facebook.com/group.php?gid=78180254071&ref=nf


per info:gold.indi@gmail.com

venerdì 3 giugno 2016

Il giorno ad urlapicchio



Ci son dei giorni smègi e lombidiosi
col cielo dagro e un fònzero gongruto
ci son meriggi gnàlidi e budriosi
che plògidan sul mondo infrangelluto,
ma oggi è un giorno a zìmpagi e zirlecchi
un giorno tutto gnacchi e timparlini,
le nuvole buzzìllano, i bernecchi
ludèrchiano coi fèrnagi tra i pini;
è un giorno per le vànvere, un festicchio
un giorno carmidioso e prodigiero,
è il giorno a cantilegi, ad urlapicchio
in cui m’hai detto “t’amo per davvero”

Fosco Maraini

martedì 17 novembre 2015

Felix Cattus


Ode a Spot

Così suona il tuo epiteto tassonomico
carnivoro per natura, quadrupede endotermico.
La tua vista, il tuo udito, il tuo olfatto superiore
ti hanno reso da sempre un provetto cacciatore.
trovo così intriganti le tue subvocali oscillazioni,
le tue armoniose, esigenti comunicazioni
che si accompagnano alla tua edonistica necessità
di essere accarezzato con affetto, simpatia e voluttà.
La tua coda è essenziale
alle tue acrobatiche evoluzioni e spesso ci rivela
il reale stato delle tue emozioni.
Senza di essa come sarebbero i tuoi movimenti?
Certo meno facili, sicuramente meno eleganti.
Oh Spot!
I tuoi complessi livelli di comportamento
denotano un'apprezzabile capacità di ragionamento.
Io sono più che certo, Spot che comprendi
se ti dico che io ti considero
un leale, un sincero, un vero
grande amico.
Da Star Trek

martedì 30 giugno 2015

Praga - Prima Parte


FEBBRE DEL MARE


Devo tornare sul mare, solitario sotto il cielo,
e chiedo solo una grande nave e una stella per guidarla,
colpi di timone, canti del vento,
sbuffi della vela bianca,
e bigia foschia sul volto del mare
e un bigio romper dell'alba.
Devo tornare sul mare, ché la chiamata
della marea irruente è una chiara
selvaggia chiamata imperiosa;
e io chiedo soltanto un giorno di vento
con volanti nuvole bianche,
pien di spruzzi e di spuma e di strillanti gabbiani.
Devo tornare sul mare, alla vita
di zingaro vagabondo; alla via
delle balene e degli uccelli marini,
dove il vento è una lama tagliente;
e io chiedo solo un'allegra canzone
da un compagno ridente
e un buon sonno
e un bel sogno
quando la lunga giocata è finita.

(John Masfield)


giovedì 21 maggio 2015

Per Te!

Kaddish (rito italiano):
Itgadàl vitqadàsh shemè rabbà. Be’almà di verà khirutè, wejamlìkh malkhutè, bechajekhòn uwjomekhòn uvchajè dekhòl bèt Israèl, ba’agàla uvizmàn qarìv weimrù amèn. Jehè shemè rabbà mevaràkh, le’alàm ul’almè ‘almaià itbaràkh. Weishtabàkh, weitpaàr, weitromàm, weitnasè, weithadàr, weit’alèh weithallàl shemè dequdshà berìkh hù. Le’èla le’èla mikòl birkhatà shiratà tushbechatà wenechamatà daamiràn be’almà weimrù amèn.
* [’Al Israel ve’al rabbanan ve’al talmideon ve’al kol talmidè talmideon deiatvin de’askin beoraità kadishtà di beatrà aden vedi bechol atar vaatar yeè làna ulon shelamà vechinà vechisdà
verachamè vechayè arichè umzonè revichè min kodam Elaàna marè shemaià vear’à veimrù. Amen.] Jehè shelamà rabbà min shemaià wechajìm tovìm ‘alènu we’al kol Israèl weimrù amèn. ‘Osè shalòm bimromàv hù berachamàv ja’asè shalòm ‘alènu weal kol Israèl, amèn.
Traduzione:
Sia magnificato e santificato il Suo grande nome, nel mondo che Egli ha creato conforme alla Sua volontà, venga il Suo Regno durante la vostra vita, la vostra esistenza e quella di tutto il popolo d’Israele, presto e nel più breve tempo. Sia il Suo grande nome benedetto per tutta l’eternità. Sia lodato, glorificato, innalzato, elevato, magnificato, celebrato, encomiato, il nome del Santo Benedetto. Egli sia, al di sopra di ogni benedizione, canto, celebrazione, e consolazione che noi pronunciamo in questo mondo.
* [Su Israele e sui nostri Maestri, sui loro allievi e sugli allievi dei loro allievi, che si occupano della santa Torà, che si trovano in questo luogo e che si trovano in qualsiasi altro luogo, vi sia, per noi e per voi, pace e grazia e pietà e misericordia e alimento in larghezza da parte del nostro D-o, Signore del cielo e della terra e dite, Amen.]
Scenda dal cielo un’abbondante pace ed una vita felice su di noi e su tutto il popolo d’Israele. Colui che fa regnare la pace nell'alto dei cieli, nella Sua infinita misericordia la accordi anche a noi e a tutto il popolo d’Israele. E così sia*

Non so se sia quello giuso, ma son sicuro che apprezzerai l'intento, e forse qualcuno aggiungerà o modificherà qualcosa.

sabato 28 marzo 2015

Tarocchi - L'Eremita

L'Eremita

Ci sono segreti che sono delle conquiste personali e che non vanno rivelati, La loro ricerca richiede tempo e pazienza e questa scoperta per lo più arriva alla fine di un lungo percorso.
L'incedere lento è aiutato dalla luce della conoscenza rappresentata dalla lanterna.
Il saio rappresenta la rinuncia al mondo inteso como rapporti umani e desideri massificanti.

by Indi - Tarocchi




mercoledì 25 marzo 2015

Tarocchi - La Giustizia

La Giustizia

La conoscenza che si erge tra il bene e il male, L'equilibrio armonico della forza che fa da protezione all'uomo giusto. La benda è il simbolo dell'imparzialità su cui si basa la vera giustizia.

by Indi - Tarocchi

martedì 24 marzo 2015

Tarocchi - Il Carro

Il Carro

Uomo, hai in mano il tuo destino; qui è il Re a guidare il carro, ma acquisendo la consapevolezza tutti diverranno Re e  controllando le due coppie di cavalli, che rappresentano l'istinto e la ragione si corre verso la forgia del proprio destino. Essa è anche la ricerca continua dell'equilibrio 

by Indi - Tarocchi

lunedì 23 marzo 2015

Tarocchi - Gli amanti

Gli amanti

la sesta carta è la rappresentazione della libera scelta, Eros sancisce l'unione eterna e la bontà della scelta. I fiori sono le possibilità ma su tutte una sola è la via.

by Indi - Tarocchi

domenica 22 marzo 2015

Tarocchi - Il Papa

Il Papa 
Il maestro, la guida sia spirituale che materiale. Simboleggia sia la fede religiosa che il potere terreno della religiosità.
I fedeli, rappresentati dalla colonna di sinistra B, raggiungono la fede grazie alla forza della colonna di destra J. Sostituiti nella rappresentazione grafica dai due discepoli: il sinistro la fede che obbedisce, il destro è colui che vuol comprendere e imparare. Insieme sono la rappresentazione del clero.  


by Indi - Tarocchi